La bagna cauda – a proposito di ortaggi

Con Marco Pomato negli orti della sua azienda, dove il rapporto con la terra è dare e avere

Oltre all’immancabile cardo gobbo, la bagna cauda è piacevolmente accompagnata da variopinti piatti colmi di verdure di stagione: peperoni, topinambur, barbabietole, verze, cavolfiori, indivia, patate… ma da dove proviene tanta benefica ricchezza?
Marco Pomato, agrotecnico, è titolare di una bella azienda agricola coltivata ad orti e frutteti, che si trova ad Incisa Scapaccino (AT), lungo il corso del torrente Belbo. Dopo gli studi ha scelto di subentrare nella conduzione dei terreni e dell’attività dalla famiglia, ha continuato a svilupparne le caratteristiche, ad accrescerla e ad aumentare la differenziazione delle specie coltivate, sempre con grande cura per la qualità.
Marco preferisce praticare la vendita diretta dei suoi prodotti, piuttosto che consegnarli a grossisti. Per il consumatore è piuttosto difficile immaginare quanto lavoro sia necessario per far giungere sulla tavola frutta e verdura di qualità. L’annata di un professionista del settore è intensa, non concede pause e non è priva di rischi imprenditoriali. Pomato ci parla schiettamente dei sacrifici che il suo lavoro comporta, delle avvedute scelte di meccanizzazione della produzione per ottimizzarne i costi, degli imprevisti dovuti a stagioni sempre più incerte dal punto di vista climatico; ma non nasconde la giusta soddisfazione nel ricevere gli elogi dei clienti che, oltre al gusto del prodotto, apprezzano le scelte di un produttore che rispetta la terra, che limita i trattamenti e le manipolazioni al minimo indispensabile, che si impegna nel rendere tutta la sua attività a basso impatto ambientale.

 

 

 

Tags: cardo gobbo, bagna cauda, ortaggi, orticoltura, Marco Pomato, banco delle memorie, agricoltura sostenibile, enogastronomia, Casa degli alfieri, Regione Piemonte, ARTEPO, Diego Diaz Morales, Patrizia Camatel, prodotti tipici


Casa degli Alfieri
Località Bertolina, 1 14030 Castagnole Monferrato (AT)
339 2532921     info@archivioteatralita.it