La bagna cauda – dalla storia alla tavola

Gianluigi Bera racconta e realizza un piatto principe della cucina piemontese tradizionale

Gianluigi Bera, produttore vitivinicolo di Canelli (AT), discendente da generazioni di viticoltori, è anche un profondo ed appassionato conoscitore di storia, tradizioni e cultura materiale del suo territorio d’appartenenza, l’Astesana (territorio definitosi nel XVI sec., formato dai Comuni “satelliti” di Asti in senso politico ed economico, non sovrapponibile esattamente con i confini dell’attuale Provincia).
In questo video il testimone è ripreso mentre prepara la tradizionale bagna cauda con la sua famiglia. La serata conviviale si trasforma in una ghiotta – in tutti i sensi – occasione per scoprire le origini e la storia di una preparazione fondamentale della cucina piemontese. Un piatto divenuto così identitario da essere espatriato a seguito dei nostri emigranti e di essere tutt’ora gustato dalle comunità piemontesi disseminate nel mondo.
Basandosi su approfonditi studi di documenti e testimonianze, Bera ci accompagna alla scoperta delle origini aristocratiche della bagna cauda, degli ingredienti che la compongono e che l’accompagnano, delle varie versioni esistenti della ricetta. Curiosità, aneddoti, fonti letterarie arricchiscono la narrazione, talora sfatando miti e credenze che poco hanno a che fare con la storia.
Gianluigi offre infine tutte le istruzioni necessarie per chi volesse cimentarsi con la realizzazione della bagna cauda tradizionale, e sottolinea che l’ingrediente più importante è la convivialità: la bagna cauda è un rito di condivisione, e pertanto deve essere messa in tavola in un unico tegame in cui tutti i commensali, parenti e amici, intingono i propri pezzi di cardo, verdure, pane. Un banchetto all’insegna della lentezza, del tempo per parlare, guardarsi negli occhi, celebrare l’agape fraterna.

 

Trailer

Integrale

 

Enogastronomia, Prodotti tipici, Storia, Vita contadina

 


Casa degli Alfieri
Località Bertolina, 1 14030 Castagnole Monferrato (AT)
339 2532921     info@archivioteatralita.it

Iscriviti alla newsletter

Dichiaro di avere preso attenta visione dell’informativa sulla privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali ex. Artt. 13-14 Reg.to UE 2016/679 per le finalità indicate nell’informativa.