L’Albero dell’Amicizia di Scurzolengo

Saperi tradizionali e costruzione della memoria presente - 2019

Il 7 dicembre 2019, in un’atmosfera gioiosa e colorita, la piccola comunità di Scurzolengo (AT) si è ritrovata per inaugurare l’Albero dell’Amicizia, un notevolissimo albero natalizio realizzato interamente all’uncinetto da 14 ricamatrici nell’arco di nove mesi. Quasi 300 metri di pizzo per realizzare le fronde, centinaia di palline e decorazioni, il tutto posto su una struttura di ferro alta 6 metri realizzata da altri collaboratori volontari e posizionata sulla piazza del Municipio. Le stesse artiste hanno anche realizzato, come già negli anni precedenti, graziosi manufatti decorativi ed eleganti pezzi di biancheria per la casa per allestire una bancarella. Finalità? La beneficenza, in primo luogo, per lavori utili al paese e agli abitanti. Ma finalità altrettanto alta è certamente l’aggregazione, il gusto di darsi un obiettivo ambizioso da realizzare insieme, nella gratuità, il piacere di ritrovarsi con gli amici e di riscoprire insieme attività artigianali che trovano sempre meno spazio e conoscitori nella quotidianità del nostro tempo.
L’iniziativa, proposta e sostenuta con entusiasmo (ed anche materialmente) da Sindaco e Giunta, è un caso paradigmatico di costruzione della memoria collettiva: come nota acutamente Luciano Nattino “anche il presente va reso memoria”, poiché la tradizione non è data una volta per tutte, ma si costruisce e reinventa continuamente. Di fatto, il nuovo albero di Natale, realizzato grazie a competenze tratte dai saperi tradizionali, reinterpretate con gusto contemporaneo, è già diventato patrimonio condiviso: la sua realizzazione e l’esposizione al pubblico, oggi e negli anni a venire, è evidentemente un “catalizzatore” di esperienze di comunità.
Il video raccoglie le immagini della preparazione e dell’inaugurazione del manufatto artistico, con interviste ai promotori, al gruppo di donne artefici dell’opera, ai tanti ospiti giunti sulla piazza in occasione della festa: amministratori e cittadini dei paesi limitrofi, appassionati, produttori locali che hanno allestito il mercatino delle tipicità… e il gruppo folk degli Arliquato di Castiglione d’Asti, impersonanti il pastore Gelindo e la sua famiglia, venuti ad adorare il Bambin Gesù nel Presepe, con doni e canti…

Parte delle immagini è andata in onda su RAI TG3 Piemonte il 26 dicembre 2019.

 

Servizio RAI TG3 Piemonte 26.12.2019

Integrale

 

Antichi mestieri – Antropologia Culturale – Arte – Cultura, manifestazioni culturali – Mutamenti sociali ed economici – Paesaggio – Teatro / Teatralità Popolare

 


Casa degli Alfieri
Località Bertolina, 1 14030 Castagnole Monferrato (AT)
339 2532921    info@archivioteatralita.it

Iscriviti alla newletter

Dichiaro di avere preso attenta visione dell’informativa sulla privacy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali ex. Artt. 13-14 Reg.to UE 2016/679 per le finalità indicate nell’informativa.